Guida al forex trading

Oggi abbiamo per voi una guida unica, una guida psicologica al Forex trading, che vi darà il giusto appoggio di coraggio e motivazione per iniziare a fare trading nei mercati finanziari nel migliore dei modi.

Consigli direttamente da un trader professionista per iniziare a fare profitti nei mercati Forex.

Forex trading : cos'è

Iniziare a fare trading col forex

Il Forex Trading è senza ombra di dubbio il modo per guadagnare in maniera: SEMPLICE, FACILE e VELOCE. Su questo non ci piove, noi che lo facciamo ormai da diversi anni, ve lo possiamo assicurare, in quanto sono diversi anni che guadagniamo sistematicamente su questo mercato profittevole come pochi.

La parola Forex significa essenzialmente Foreign Exchange, ma l’asset attuale al quale ci stiamo riferendo è il campo delle valute. Il Foreign Exchange si riferisce all’azione di cambiare la valuta di una nazione per un’altra valuta di un’altra nazione, per una serie di fattori, solitamente dovuti al turismo oppure al commercio. A causa del fatto che il business è oramai diventato globale, e c’è il bisogno di dover attuare delle transazione con tutto il mondo, con altri paesi che hanno altre valute. L’Euro ha semplificato estremamente questa operazione, creando una valuta unica per moltissimi paesi. Ma ci sono ancora valute come la Sterlina, il Dollaro, lo Yen per citarne soltanto alcune, che giocano un ruolo fondamentale negli scambi del mondo.

Ma andiamo un attimo indietro nel tempo, più precisamente nel 1971, quando alle valute era permesso di galleggiare libere l’una contro l’altra. I prezzi delle valute erano estremamente variabili, e ciò aveva portato non poco valore ai servizi di foreign exchange. Questo modello di scambi è stato poi reso famoso in tutto il mondo grazie al trading retail, grazie alle banche d’investimento che fanno trading per i loro clienti, proponendo quindi un ambiente per fare trading con una valuta contro un’altra utilizzando la rete internet.

Broker per fare trading

Il primo requisito per guadagnare con il forex è quello di scegliere un broker di qualità. Per qualità intendiamo alcune caratteristiche che non devono mai mancare. Innanzitutto un broker per fare trading sul forex deve essere autorizzato e legale. In effetti i siti che proponiamo sono tutti con licenza Consob e rispettano le normative europee più stringenti. Ma non basta. Deve essere anche conveniente e non deve avere commissioni, ecco perchè ti proponiamo sempre il meglio del mercato italiano. Qui sotto trovi una lista dei migliori forex broker con i vari bonus proposti e la relativa recensione:

Broker Vantaggi Altre caratteristiche Recensione Apri un conto
Plus500 Numero Uno in Italia ed in Europa Bonus 25€, servizio via CFD su forex,materie prime, indici Recensione Iscriviti
eToro Broker con bonus fino a 800€ Social trading, guide, programmi Guru Recensione Iscriviti
24 Option Deposito minimo, condizioni favorevoli 91% di rendimenti Recensione Iscriviti
Top Option Apertura conto con 100 € bonus del 100% Recensione Iscriviti

I rischi del Forex, come evitarli

Dobbiamo ovviamente parlare dei rischi che ci sono nel Forex. Essendo uno strumento estremamente profittevole, ci sono alcuni rischi ai quali stare molto attenti.

Molta confusione esiste circa i rischi legati al mondo forex. Molto è stato detto circa il mercato interbancario: molti dicono che è molto rischioso a causa di una mancanza di controllo. Questa percezione non è del tutto vera, tuttavia. Un approccio migliore alla discussione di rischio sarebbe quello di capire le differenze tra un mercato decentrato rispetto a un mercato centralizzato e quindi determinare se la regolamentazione è opportuna o meno.

Il mercato interbancario è costituito da molte banche di scambio, che commerciano con le altre in tutto il mondo. Le banche devono quindi determinare ed accettare il rischio e il rischio di credito sovrano, e per questo hanno dei processi di controllo interno molto severi, per essere il più possibile al sicuro da possibili frodi. I regolamenti sono imposti dall’industria per il bene e la protezione di ogni banca partecipante.

Tentativi molti interessanti sono stati fatti per creare una rete in un exchange centralizzato (chiamato ECN), per portare venditori e compratori in un ambiente più trasparente. Questo può essere un punto di vantaggio per i traders, che si ritrovano in una liquidità molto superiore e spread molto più bassi rispetto ai broker tradizionali. Quindi consigliamo ovviamente gli ECN, se volete fare trading con spread più bassi e liquidità maggiore.

Due modi per fare Forex Trading

Per molti investitori oppure traders che si avvicinano al mondo del trading online forex oppure azionario, c’è prima di tutto bisogno di diversificare. Quindi se fate trading forex, diversificate con l’azionario oppure se fate trading con l’azionario, diversificate con il forex.

Ricordate che il trading Forex è senza dubbio per traders più attivi. La volatilità è molto alta è quindi è necessario un controllo maggiore da parte del trader.

Il Forex è molto incentrato sulla leva, e quindi è molto più semplice per un trader aprire un account con pochi soldi, a differenza di un broker per azioni.

Solitamente, un portfolio forex viene utilizzato per bilanciare un portafoglio di azioni. Per esempio, è sempre buona norma per un portafoglio di azioni USA, si usa il Forex per vendere il dollaro contro il Franco Svizzero oppure contro l’Euro. In questo modo il valore del portafoglio aumenterà e l’effetto negativo del dollaro verrà controbilanciato.

Sono molti gli stratagemmi per utilizzare il forex come uno strumento di investimento intelligente. Molti però si fermano ad usare il forex come un semplice sistema di gioco d’azzardo, per fare profitti a breve termine, rischiando tantissimo. Ovviamente questo non deve essere il vostro modo di fare trading.

Per la maggior parte dei traders e investitori, soprattutto quelli con fondi limitati, un day trading o swing trading per un paio di giorni alla settimana può essere un buon modo per fare profitti nei mercati forex. Per quelli con orizzonti più a lungo termine e ben più grandi portafogli, il carry trade può essere un'alternativa adeguata.

In entrambi i casi, il trader deve sapere come utilizzare i grafici per temporizzare al meglio i propri scambi, dal momento che buona parte della scelta del "timing" è l'essenza del trading profittevole. In entrambi i casi, e in tutte le altre attività di trading, il trader deve conoscere le proprie caratteristiche di personalità abbastanza bene, in modo che lui o lei non violino le buone abitudini commerciali con strategie perdenti e un comportamento impulsivo, che spesso portano alla perdita di tutti i fondi. Il consiglio finale è quello di lasciar prevalere la logica e il buon senso. Ricordate il vecchio proverbio di Pasteur:

"La fortuna favorisce la mente preparata."

Glossario Tecnico di questa mini guida:

Carry Trade: Vendere valuta a basso tasso d’interesse per comprare valute ad alto tasso d’interesse, in modo da fare profitti semplicemente “tenendo” le posizioni.
Day Trading: Trading dove le posizioni vengono aperte e chiuse nell’arco della giornata.
ECN: Per ECN (acronimo di Electronic Communications Network) si intende una rete elettronica che riunisce i principali intermediari finanziari e operatori, consentendo loro di trattare senza ulteriori intermediari.
Swing Trading: Simile al day trading, ma qui a volte le posizioni possono durare anche una settimana. Il trader individua le oscillazioni di mercato e opera principalmente in trend.