Trading di opzioni binarie: tutto quello che dovete sapere

trading-opzioni-binarie

Tanto per cominciare è bene sottolineare cos’è il trading di opzioni binarie e soprattutto come funziona il trading di opzioni binarie? In questo articolo spiegheremo tutto ciò che bisogna sapere su questa tipologia di investimento e su quanto si possa realmente guadagnare.

Negli ultimi anni il trading binario sta riscuotendo tantissimo successo e gli esperti in materia sono in costante aumento, oltre ai trader professionisti ed esperti finanziari stanno raggiungendo un buon risultato anche quelle persone che non hanno mai avuto a che fare con il forex, quote in borsa, azioni e materia prime. Come ci riescono? Semplice, studiando fino a raggiungere l’adeguata preparazione che gli permette di capire se è il caso di investire denaro o no in questo mercato.

Scopriamo come funziona il trading di opzioni binarie

Se avete già capito cosa sono le opzioni binarie adesso dobbiamo capire come funzionano e quali piattaforme scegliere a cui appoggiarsi. Innanzitutto il trading binario si concentra sull’acquisto delle opzioni binarie, dei contratti che variano da broker a broker. Esse permettono di accedere a delle operazioni finanziarie denominate asset o sottostanti, l’acquisto è legato a un contratto in cui è già fissato un importo di vincita e uno di perdita, tutto ciò che resta da fare è pronosticare il prezzo del sottostante e capire se è vincente o meno.

Ora che più o meno avete capito come funziona il trading di opzioni binarie, è arrivato il momento di capire in pratica cosa accade e come dobbiamo muoverci. La prima cosa da fare è scegliere la piattaforma e registrarsi al broker più affidabile. Potete trovare una classifica dei broker più affidabili sul sito broker-opzioni-binarie.it per capire qual è quello più adatto alle nostre esigenze.

Il trading binario deposito minimo

Una volta scelto il broker alcuni di essi permettono di provare una sorta di “demo” per farci capire realmente quanto possono essere i nostri guadagni o le perdite, i meccanismi per puntare sono identici a quelli reali, infatti questa funzionalità fa’ capire che non è un gioco, ma è un lavoro vero e proprio in cui si investe solo chi ha l’adeguata preparazione.

Ogni broker sceglie di applicare un proprio deposito minimo per cominciare a fare trading binario, nonostante esistono piattaforme che chiedono anche soli 10€, molto spesso consigliano di depositarne almeno 100€ per vedere gli effettivi guadagni. La nostra opinione in merito è che dovrete depositare considerando il vostro budget e possibilità, e solamente quando vi sentiti pronti e preparati a tutto ciò.

Il deposito può avvenire tramite molti mezzi di pagamento quali: carta di credito, paypal, bonifico e similari. Alcune cose che dovete sapere sul metodo di pagamento da voi scelto:

  • Skrill/eWallet: sono sicuramente i due metodi migliori e più veloci per poter ritirare i propri profitti. Il problema che non tutti i broker lo supportano, di conseguenza prima di ogni cosa informatevi se la piattaforma supporta uno dei due.
  • Bonifico bancario: è sicuramente un buon metodo sia per depositare che per ritirare, l’unico svantaggio è il tempo che può arrivare fino a 10 giorni per compiere una delle due operazioni citate in precedenza. Ovviamente dovete anche procurarvi il codice BIC/Swift della vostra banca.
  • Carte di credito: nonostante anch’esso sia un metodo molto veloce (per quanto riguarda il deposito) i gestori lo vedono come un metodo idoneo al rimborso, tanto che molti limitano il prelievo basandosi su quello che avete depositato, infatti per i profitti dovrete scegliere un altro metodo.

Non lasciatevi prendere dall’euforia di scegliere come metodo le carte di credito solo perché non possiede nessuna tassa sul prelievo, ragionate anche sugli altri fattori che influiscono. Il miglior metodo anche qui secondo il nostro modesto parere, è scegliere Skrill/eWallet che vi eviteranno tasse di circa 25€ o 30€ sul prelievo, applicandone una minima per gestire la transazione.

Dettaglio per dettaglio su come cominciare a puntare

Bene dopo aver scelto il broker e l’adeguato importo da depositare dovete capire e scegliere su quale asset o sottostante puntare, come abbiamo detto in precedenza può essere una materia prima, una quota in borsa o un cambio di valuta.

Una volta stabilito su cosa puntare si dovrà scegliere il tipo di opzioni binaria su cui investire, nel trading di opzioni binarie esistono tre tipologie di operazioni:

  • Tocca o non tocca: in questo caso si dovrà individuare (prima della scadenza dell’opzione) se il prezzo dell’asset toccherà o no il prezzo prefissato.
  • Alto o basso: anche in questo caso bisogna prevedere se il prezzo dell’asset alla scadenza sarà sopra o sotto il prezzo attuale.
  • Intervallo: il passo più importante in questa fase è prevedere se i prezzi di un asset alla loro scadenza, resteranno in una fascia di prezzi prefissati o fuoriusciranno.

Potete impostare la scadenza dell’opzione, generalmente le opzioni a disposizione sono di scadenza lunghe quando si parla di giorni, medie qualche ora e fino a quelle brevi che comprendono intervalli di tempo pari a 60 secondi, 10 minuti, 2 o anche 5.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *