Opzioni binarie : esiste una falla ?

falla-opzioni-binarie
Falle nelle piattaforme di opzioni binarie, trucchi per prevedere con certezza l’andamento delle quotazioni, bug nelle interfacce… sono leggende metropolitane o si tratta di argomenti circostanziati da dati di fatto? Sebbene alcuni trader alle prime armi possano essere convinti del contrario, la cosiddetta “falla” nelle opzioni binarie è solo il prodotto di grandi chiacchiere, diffuse nell’ambito del trading online per raggirare utenti inesperti, e qui di seguito cercheremo di spiegare il perché.

É molto probabile che l’idea di sfruttare un ipotetico malfunzionamento delle piattaforme si sia consolidata a seguito dell’avvento dello “speed trading” con le opzioni binarie, ossia le operazioni a brevissima scadenza. Ricordiamo che con questo strumento, al fine di ottenere un profitto, il trader effettua un ordine con il quale cerca di prevedere l’andamento di un valore di un asset nel mercato azionario (o valutario, se si tratta di un cross) di appartenenza; se l’evento pronosticato si avvera entro l’ora, minuto e secondo definito, si riceve un profitto pari ad una percentuale dell’importo investito. La dimensione temporale della scadenza gioca un ruolo essenziale in questo sistema, soprattutto ora che molti broker consentono di piazzare ordini con l’opzione 120, 90, 60 o addirittura 30 secondi.

Falla opzioni binarie, c’è una verità?

Quando si parla di opzioni binarie falla bisogna chiarire alcune cose. Chi aderisce al “partito” della falla sostiene che un trader possa aggiudicarsi profitti sicuri individuando quelle piattaforme che, proprio a causa di un fantomatico malfunzionamento del software, presentano un ritardo, anche minimo, nella visualizzazione delle quotazioni degli asset. Ad esempio, se un’interfaccia attribuirà al titolo della Coca Cola il valore di 43,25, ma noi sappiamo che questa è una quotazione caratterizzata da un ritardo di un minuto (a causa della “falla”) e il valore attuale dell’azione in un’altra interfaccia è 44,00, possiamo effettuare un ordine di tipo “alto” a scadenza 30 o 60 seconda nella presunta interfaccia “danneggiata” e saremo sicuri al 100% di poter ottenere qualsiasi profitto. Questo è solo un esempio delle congetture circa le “falle” nel contesto delle opzioni binarie. Cerchiamo però di accostarci con razionalità a queste teorie, proponendo degli spunti per alcune riflessioni:

  • Chi viene a conoscenza di questi ipotetici malfunzionamenti non avrebbe nessun vantaggio a condividerli con milioni di utenti sul web: anche se chiedesse un contributo monetario per le sue informazioni, il profitto ottenuto dalla vendita dello “scoop” sarebbe certamente inferiore al potenziale guadagno realizzato direttamente sfruttando la presunta “falla”. Diffidiamo quindi da questo tipo di annunci e soprattutto non assecondiamo queste offerte con del denaro;
  • se una “falla” in una piattaforma dovesse veramente esistere, sarebbe logico che il broker vi ponesse immediato rimedio, individuando il bug e risolvendo tempestivamente il problema. Qualsiasi malfunzionamento alla piattaforma mette in pericolo l’affidabilità del broker, nonché la sua reputazione; inoltre, una carenza al sistema di sicurezza può far perdere all’agente le licenze e le autorizzazioni degli enti di regolamentazione. É quindi nell’interesse del broker riparare al più presto gli eventuali errori del software;
  • come conseguenza del punto precedente, se proprio dovesse verificarsi un errore dal quale un trader può trarre un profitto, questo sarà limitato ad un brevissimo arco di tempo, perchè nel frattempo il broker avrà già aggiustato la “falla”. In ogni caso, l’eventualità di una speculazione sfruttando i punti deboli del sistema dell’interfaccia è rarissima.

Conclusione: la falla è una bufala

Come si può ben notare la presenza di “falle”, dalle quali si può trarre un profitto sicuro alle spalle dei broker, non è suffragata da nessun dato concreto. Il trading con le opzioni binarie si basa sull’andamento delle quotazioni degli assets, valori che vengono influenzati dagli eventi economici-finanziari globali.

Poi se volete essere proprio sicuri basta scegliere broker di qualità assoluto come ad esempio 24option che attualmente è il miglior sito italiano dedicato alle opzioni binarie.

Si suggerisce pertanto di dedicarsi allo studio di questi fenomeni, invece di impiegare tempo e risorse nell’individuare inutili scorciatoie, attirati dal miraggio di facili guadagni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *