Come iniziare a fare trading con le opzioni binarie

trading-opzioni-binarie
Il successo ottenuto dal trading online è, ormai, sotto gli occhi di tutti, soprattutto nel settore delle opzioni binarie. La possibilità di investire i propri risparmi in una serie di strumenti finanziari precisi ed affidabili garantisce un ampio ventaglio di probabilità di vittoria legate ai vari ambiti commerciali da esso contemplati. D’altronde, l’enorme grado di accessibilità sviluppatosi all’interno delle reti internet non ha fatto altro che incrementare quella platea di potenziali trader desiderosi di ottenere un profitto, primario o secondario, che possa ampiamente soddisfarli; tale priorità, quindi, ha indotto società più o meno affermate a migliorare, e perché innovare, l’attuale offerta di servizi multimediali arricchendoli con un elenco di peculiarità capaci di aiutare e di indirizzare qualunque utente verso un risultato finanziario degno di nota.

Tra le tante novità introdotte dal sistema del trading online, c’è appunto quella legata all’utilizzo delle cosiddette opzioni binarie, considerate da molti esperti del settore come una vera e propria rivoluzione del trading finanziario. Questo riconoscimento verbale, e materiale, è dovuto alla loro struttura di base, composta da una matrice binaria in grado di condurre solo ed esclusivamente a due tipi di risultati, positivo o nullo. Una caratteristica pratica ed essenziale, in grado però di tradurre il tutto in una sorta di scommessa finanziaria.

Per iniziare a fare trading con le opzioni è consigliabile scegliere un broker che sia regolamentato. Ad esempio 24option offre una piattaforma autorizzata dalla Consob ed un bonus del 100% subito per iniziare.

Per iscriverti su 24Option ed incassare il bonus clicca qui

Opzioni binarie, cosa sono e come funzionano

Se si è intenzionati ad iniziare un’attività di trading online mediante le opzioni binarie, è necessario capire quali siano i passi iniziali per evitare di incorrere in brutte quanto spiacevoli sorprese. Innanzitutto, va detto che la chiave del successo delle opzioni binarie risiede proprio nella loro semplicità di utilizzo ad alto livello speculativo, una proprietà ulteriormente incrementata dalla notevole percentuale di guadagno che esse comportano – si parla addirittura dell’85% in più rispetto all’investimento iniziale. Con un simile bagaglio di requisiti, è facile intuire il perché di una tale standardizzazione d’uso, a cui ricorrono soprattutto i grossi gruppi finanziari o i trader che possono permettersi di vantare un notevole bagaglio di esperienze vincenti.

Inoltre, poiché le opzioni binarie sono state pensate come uno strumento in grado di intervenire in qualsiasi mercato finanziario, le variabili da tenere in considerazione per definire una strategia vincente sono pressoché illimitate. Tra i tanti assets finanziari da scegliere, ci sono quelli legati agli abbinamenti valutari tra monete estere, quelli attinenti a materie prime come oro o petrolio, quelli legati ai ribassi e ai rialzi di pacchetti azionari di una certa importanza e quelli che, più comunemente, si districano lungo i trend merceologici dettati dall’andamento dell’economia globale.

Come iniziare un’attività di trading binario

Ecco cosa serve per iniziare con le opzioni binarie : innanzitutto eseguite tutte le valutazioni del caso, occorre determinare, in maniera esatta, l’obiettivo finale e la quantità di soldi che si vogliono investire in un tipo di attività finanziaria mediante l’impiego delle opzioni binarie. Un buon money management delle proprie risorse monetarie consente di non sperperare un capitale d’investimento che, potenzialmente, potrebbe condurre a risultati monetari ben al di sopra della norma. A questo, poi, deve fare seguito una buona tempra mentale, reattiva e proattiva quando serve e poco incline allo sconforto qualora ci siano delle ingenti perdite finanziarie.

Una volta resosi conto di ciò, è consigliabile affidarsi alle società online, con le loro piattaforme di intermediazione specializzate nella proposizione di servizi e strumenti analitici di assoluta affidabilità. La scelta in tal senso è davvero ampia, con realtà sviluppatesi a livello nazionale ed internazionali e dotate di una serie di opzioni multimediali a dir poco maneggevoli da usare. Inoltre, i migliori broker per il trading binario si preoccupano anche di assicurare una sorta di formazione continua alla propria clientela di riferimento: tra video-corsi, ebook, guide online e conti demo, apribili gratuitamente, l’esperienza multifunzionale del trading online con le opzioni binarie non cadrà mai vittima di qualche pesante dissesto finanziario.

E’ possibile guadagnare con le opzioni binarie ?

Molte persone cercano metodi per guadagnare soldi da casa sfruttando Internet. Tra quelli più utilizzati in questo momento troviamo sicuramente le opzioni binarie. Che cosa sono in buona sostanza le opzioni binarie ? E’ possibile guadagnare veramente facendo trading ?

Partiamo col dire che le opzioni binarie sono degli strumenti derivati che permettono essenzialmente di fare speculazione sui mercati giocando al ribasso o al rialzo. Il termine giocando è improprio, più corretto sarebbe parlare di investimento ma non possiamo tralasciare i rischi che il trading comporta. Questo per evidenziare che non si tratta di un gioco ma il trading deve essere affrontato con grandi competenze.

Il trading di opzioni binarie funziona veramente ?


Le opzioni digitali consentono di fare molti soldi e sono uno strumento molto semplice da utilizzare. Per questo motivo il loro uso è adatto sia a principianti che professionisti.

Basta utilizzare una piattaforma di trading creando un conto di trading ed iniziare a speculare sui mercati. Per iniziare scegliete sempre una piattaforma che sia autorizzata dalla Consob. Ad esempio il broker 24option è regolamentato in Italia ed offre una ottima piattaforma per negoziare.

Per saperne di più su 24option visitate questa pagina.

Come dicevamo le opzioni offrono rendimenti che in media oscillano dal 70% all’85% del capitale investito. C’è da dire che ci sono anche opzioni molto più redditizie che sfiorano il 400%! E’ bene però non usarle sopratutto se non siete esperti in quanto hanno dei rischi maggiori.

Vi sarete chiesti moltissime volte quindi se le opzioni binarie funzionano veramente. Chi fa trading seriamente può pensare di fare profitti in modo costante. D’altra parte il trader vincente è colui che riesce a minimizzare le perdite, evitare troppi rischi e fare piccoli profitti ripetuti nel tempo. Insomma è proprio vera la frase che è la somma che fa il totale. Il primo requisito per guadagnare è quello si selezionare un broker che sia regolamentato come abbiamo detto. Questo è un aspetto troppo sottovalutato, si pensa che basti aprire un conto di trading su un qualsiasi broker ed il gioco è fatto. Si scopre poi di avere piattaforme illegali o che peggio hanno problemi tecnici. I siti consob sono invece controllati e garantiscono l’utente da eventuali truffe o problemi che potrebbero nascere.

Rischi con le opzioni binarie

Quando si parla di trading opzioni binarie non possiamo dimenticare i rischi che tutte le attività finanziarie comportano. Anche se investite azioni in Banca siete a rischio se i titoli che avete nel portafoglio titoli crollano. E’ bene evidenziare che ogni attività che ha a che fare con gli investimenti in denaro non è esente da rischi di perdita, questo è bene che lo capiate una volta per tutte.

Qualunque attività anche imprenditoriale porta rischi in quanto c’è sempre un capitale da investire e ci si aspetta un ritorno economico che può o meno avvenire.

Come ogni imprenditore non si ha mai la certezza che il capitale generi un profitto. C’è però una differenza molto netta con le opzioni binarie. Operazioni vincenti fatte sui mercati possono in poco tempo portare a raddoppiare il capitale investito con uno sforzo minore. E’ per questi motivi che il trading sta generando un grande interesse fra appassionati e professionisti.

Con le opzioni binarie c’è però l’aspetto emotivo da considerare. Un trader che guadagna riesce a controllare le proprie emozioni molto bene senza farsi prendere da ansie e paure. E’ per questo motivo che chi vuole fare questo mestiere deve imparare anche ad auto controllarsi prima di iniziare a fare trading online.

Come iniziare a guadagnare con le opzioni binarie

Da dove iniziare a fare trading ? E’ impensabile guadagnare dal secondo successivo all’iscrizione al broker. Datevi tempo per prendere confidenza con la piattaforma. Un ottimo consiglio è quello di partire da un conto demo ovvero dalle versioni dimostrative che i broker vi offrono per poter provare tutte le funzioni e provare a fare qualche operazione (un ottimo conto demo lo trovate qui).

Poi possiamo darvi alcuni consigli che vi consentiranno di partire col piede giusto:

  • Studiate : non si finisce mai di studiare dunque cercate informazioni e studiate le basi dei mercati prima di fare qualunque tipo di informazioni
  • Fate analisi tecnica: leggere i grafici e sapere riconoscere trend e punti di inversione è fondamentale per poter capire quando investire
  • Analizzate i dati storici : una volta che sapete come leggere un grafico verificate come si sono comportati gli asset di mercato che state monitorando nel passato. Il passato può dare delle informazioni molto utili

Ultimo consiglio. Evitate di perdere soldi che non vi potete permette di perdere altrimenti tutto diventa un gioco. Assicuratevi di fare trading solo se avete somme di denaro da investire e non prendete il trading come un modo per guadagnare.

E’ l’atteggiamento mentale corretto per partire col piede giusto ed iniziare a guadagnare.

Opzioni binarie : esiste una falla ?

falla-opzioni-binarie
Falle nelle piattaforme di opzioni binarie, trucchi per prevedere con certezza l’andamento delle quotazioni, bug nelle interfacce… sono leggende metropolitane o si tratta di argomenti circostanziati da dati di fatto? Sebbene alcuni trader alle prime armi possano essere convinti del contrario, la cosiddetta “falla” nelle opzioni binarie è solo il prodotto di grandi chiacchiere, diffuse nell’ambito del trading online per raggirare utenti inesperti, e qui di seguito cercheremo di spiegare il perché.

É molto probabile che l’idea di sfruttare un ipotetico malfunzionamento delle piattaforme si sia consolidata a seguito dell’avvento dello “speed trading” con le opzioni binarie, ossia le operazioni a brevissima scadenza. Ricordiamo che con questo strumento, al fine di ottenere un profitto, il trader effettua un ordine con il quale cerca di prevedere l’andamento di un valore di un asset nel mercato azionario (o valutario, se si tratta di un cross) di appartenenza; se l’evento pronosticato si avvera entro l’ora, minuto e secondo definito, si riceve un profitto pari ad una percentuale dell’importo investito. La dimensione temporale della scadenza gioca un ruolo essenziale in questo sistema, soprattutto ora che molti broker consentono di piazzare ordini con l’opzione 120, 90, 60 o addirittura 30 secondi.

Falla opzioni binarie, c’è una verità?

Quando si parla di opzioni binarie falla bisogna chiarire alcune cose. Chi aderisce al “partito” della falla sostiene che un trader possa aggiudicarsi profitti sicuri individuando quelle piattaforme che, proprio a causa di un fantomatico malfunzionamento del software, presentano un ritardo, anche minimo, nella visualizzazione delle quotazioni degli asset. Ad esempio, se un’interfaccia attribuirà al titolo della Coca Cola il valore di 43,25, ma noi sappiamo che questa è una quotazione caratterizzata da un ritardo di un minuto (a causa della “falla”) e il valore attuale dell’azione in un’altra interfaccia è 44,00, possiamo effettuare un ordine di tipo “alto” a scadenza 30 o 60 seconda nella presunta interfaccia “danneggiata” e saremo sicuri al 100% di poter ottenere qualsiasi profitto. Questo è solo un esempio delle congetture circa le “falle” nel contesto delle opzioni binarie. Cerchiamo però di accostarci con razionalità a queste teorie, proponendo degli spunti per alcune riflessioni:

  • Chi viene a conoscenza di questi ipotetici malfunzionamenti non avrebbe nessun vantaggio a condividerli con milioni di utenti sul web: anche se chiedesse un contributo monetario per le sue informazioni, il profitto ottenuto dalla vendita dello “scoop” sarebbe certamente inferiore al potenziale guadagno realizzato direttamente sfruttando la presunta “falla”. Diffidiamo quindi da questo tipo di annunci e soprattutto non assecondiamo queste offerte con del denaro;
  • se una “falla” in una piattaforma dovesse veramente esistere, sarebbe logico che il broker vi ponesse immediato rimedio, individuando il bug e risolvendo tempestivamente il problema. Qualsiasi malfunzionamento alla piattaforma mette in pericolo l’affidabilità del broker, nonché la sua reputazione; inoltre, una carenza al sistema di sicurezza può far perdere all’agente le licenze e le autorizzazioni degli enti di regolamentazione. É quindi nell’interesse del broker riparare al più presto gli eventuali errori del software;
  • come conseguenza del punto precedente, se proprio dovesse verificarsi un errore dal quale un trader può trarre un profitto, questo sarà limitato ad un brevissimo arco di tempo, perchè nel frattempo il broker avrà già aggiustato la “falla”. In ogni caso, l’eventualità di una speculazione sfruttando i punti deboli del sistema dell’interfaccia è rarissima.

Conclusione: la falla è una bufala

Come si può ben notare la presenza di “falle”, dalle quali si può trarre un profitto sicuro alle spalle dei broker, non è suffragata da nessun dato concreto. Il trading con le opzioni binarie si basa sull’andamento delle quotazioni degli assets, valori che vengono influenzati dagli eventi economici-finanziari globali.

Poi se volete essere proprio sicuri basta scegliere broker di qualità assoluto come ad esempio 24option che attualmente è il miglior sito italiano dedicato alle opzioni binarie.

Si suggerisce pertanto di dedicarsi allo studio di questi fenomeni, invece di impiegare tempo e risorse nell’individuare inutili scorciatoie, attirati dal miraggio di facili guadagni.